La mia prima volta in un cruising club

La mia prima uscita in un club di cruising è stata davvero molto eccitante e folle allo stesso tempo. Era sabato sera ed ero annoiato dello stesso locale e le stesse persone, volevo cambiare un po’ l’atmosfera così mi sono messo alla ricerca di un posto dove si facesse anche sesso. Ero eccitato dopo aver visto diversi video hard gay e volevo scopare. Ho trovato un club molto interessante che aveva un’area cruising e anche un’area SPA. Ho fatto una doccia, ho chiamato un taxi e sono arrivato verso l’1. La prima volta sono dovuto andare nello spogliatoio per cambiarmi e quando sono arrivato era pieno di ragazzi sexy che avevano iniziato ad eccitarmi tantissimo.

Mi sono cambiato e sono rimasto solo con un asciugamano addosso. Ho iniziato a camminare in tutte le zone del club dove c’erano ragazzi che si succhiavano e scopavano dapperttutto.

Essendo in un posto simile per la prima volta, volevo andare piano e provare prima le saune, la jacuzzi e le docce. Ovunque c’erano uomini di tutti i tipi e di tutte le età che si divertivano in modo molto eccitante.

Poi sono salito sul piano di sopra e lì ho iniziato a entrare in alcune stanze buie dove c’erano letti e altri ragazzi che facevano sesso. Ho poi proseguito attraverso un labirinto dove si faceva sesso orale al glory hole, fino a quando mi sono trovato davanti a una stanza dove uno schermo trasmetteva un video hard gay e poco più avanti su una poltrona ho visto due puttane che scopano, mi sono avvicinato e allora mi sono reso conto che erano due trans che si scopavano. Si sono accorte della mia presenza e mi hanno salutato e io ho risposto allo stesso modo. Poi mi sono seduto su un’altra poltrona e ho iniziato a guardare quel video hard gay e le puttane che scopano e ho iniziato a masturbarmi. Dallo schermo si sentivano i gemiti dei ragazzi che si inculavano hard e dalla stanza si sentivano le gemme dei transessuali. Era stato qualcosa di molto eccitante.

Avevo due puttane che scopano davanti a me mentre si scambiavano posizione e ruolo tra loro e ho notato che avevano due grossi cazzi e dei culi tondi. A un certo punto si sono alzate e sono venute da me, si sono inginocchiate ed entrambe hanno iniziato ad accarezzarmi l’addome e poi il cazzo. Mi hanno chiesto se andava bene e se volevo, e siccome ero molto eccitato in quel momento, le ho detto di continuare. Entrambe si sono chinate e hanno iniziato a succhiarmi contemporaneamente e a turno. Sputavano sul mio cazzo e lo prendevano tutto in bocca e di tanto in tanto si baciavano con la punta del mio cazzo nelle loro bocche. Di tanto in tanto guardavo quel video hard gay e mi sentivo sempre più eccitato. Le ragazze trans hanno continuato a succhiarmi e masturbarmi fino a quando le ho detto che volevo eiaculare e loro mi hanno detto di eiaculare sulle loro facce e poi hanno iniziato a baciarsi con il mio sperma in bocca. Mi sono alzato per andare a fare la doccia e loro hanno continuato a scoparsi.

Un fantastico pompino casalingo

Ho avuto un tempo, la migliore vicina di casa che chiunque potesse desiderare. Ogni volta che volevo scopare una bocca, lo chiamavo ed ero subito a casa sua. Era sposata, ma ogni volta che suo marito era via per lavoro, era diventata un’abitudine per lei chiamarmi e farmi sempre un pompino casalingo, perché era una casalinga. A volte la durata pompino era così lunga che temevo che suo marito potesse beccarci.

Questa storia con la troia che mi faceva un pompino casalingo fantastico è iniziata una mattina quando stavo uscendo di casa per andare al lavoro e lei stava pulendo il corridoio del palazzo.

Avevo appena rotto con la mia ragazza e la mia vicina voleva sapere come mi sentivo, quindi mi ha fermato per chiedermi se stavo bene. Gli ho detto di sì, che è un periodo più difficile, ma che passerà. Abbiamo parlato per qualche minuto e uscendo mi ha detto che mi avrebbe invitato per un caffè quando era da sola e così avremmo potuto parlare di più e le ho detto perché no.

Quello stesso giorno, quando sono tornato a casa dal lavoro, credo che la vicina mi abbia sentito alla porta ed è uscita di casa e mi ha chiesto se volevo andare da lei a parlare.

Questo è quello che ho fatto. Sono entrato in casa sua e sono rimasto sorpreso da quanto fosse moderna e ben organizzata.

Mi ha invitato a sedermi sul divano e mi ha chiesto se volevo bere del vino e ho accettato. Abbiamo iniziato a parlare di tante cose finché non abbiamo svuotato la bottiglia di vino.

Mi dice di punto in bianco che conosce un buon trattamento per la sofferenza causata dall’amore. Le chiedo cosa esattamente e senza dire niente, ha allontanato la mano e mi ha afferrato il cazzo, che in pochi secondi si è indurito. Sono rimasto sorpreso dal suo gesto e le ho detto che non era giusto e che suo marito poteva apparire. Mi ha detto che non è sbagliato divertirsi un po’ ogni tanto e che il marito torna tardi dal lavoro.

Non avevo più nulla da contraddire, tanto più che ero già molto eccitato. La vicina si è poi inginocchiata davanti a me e ha iniziato a massaggiarmi il cazzo sotto i pantaloni. Mi ha detto di rilassarmi, chiudere gli occhi e lasciare che si occupi lei di tutto il resto.

Mi sono messo più a mio agio sul divano e la vicina mi ha tolto il cazzo dai pantaloni e ha iniziato a giocare con la lingua sulla testa del cazzo. Poi lo prese tutto in bocca e cominciò a succhiarlo con grande desiderio. Stava giocando con il mio cazzo in un modo in cui nessun’altra ragazza aveva mai giocato prima. All’età di 37 anni, sicuramente aveva parecchia esperienza sessuale. Ero seduto sul divano e mi godevo un fantastico pompino casalingo. Ha cominciato a succhiarmi senza sosta mentre io mi eccitavo sempre di più finché non ho più resistito e le ho svuotato le palle in bocca. Da andavo da lei 2-3 volte a settimana e ho iniziato a scoparla in tutti i buchi caldi. Quando mi sono trasferito da lì, mi è dispiaciuto dover separarmi dalla mia vicina.

La tettona matura del quattro piano

Ciao, vorrei raccontarvi uno tra i miei primi rapporti sessuali della mia vita. Avevo solo 18 anni e non avevo molta esperienza sessuale. Vivevo con i miei genitori. Al 4 piano, avevo una vicina fenomenale, una tettona matura come quelle che vedi nei filmati xxx. La signora Francesca aveva 47 anni ed era dotata di un seno stupendo e un corpo meraviglioso che sempre quando la guardavo sulle scale sentivo come il mio cazzo si svegliava dalla voglia e diventava duro.

Erano delle serate che quando mi masturbavo non avevo bisogno di guardare dei filmati xxx perché mi bastava solo pensare alla tettona matura del quattro piano e mi eccitavo di brutto. Il suo marito lavorava 2-3 giorni in settimana all’estero e tra i vicini di casa si parlava della signora Francesca che era una vera puttana.

Un giorno, tornando a casa da scuola, la vedo davanti a me con circa quattro buste della spesa, mi affretto a raggiungerla e le dico di darmi delle borse per aiutarla.

Mi ha ringraziato e quando siamo arrivati nel suo appartamento mi ha detto di entrare per bere un bicchiere di succo. Ho notato che era sola in casa.

Mentre aspetto che mi metta il succo, la vedo china sul frigo e i suoi grossi seni sono semi scoperti davanti ai miei occhi, la guardo incantato e lei se ne accorge ma non dice niente. Mi dà il succo ed esce dalla cucina per andare a cambiarsi i vestiti. Il mio cazzo era già duro. Torna dopo circa 10 minuti in vestaglia e mi accorgo che sotto non ha niente addosso, venendo verso di me, togliendosi la vestaglia.

Rimango stupito e la guardo come rimane nuda davanti a me. Vede il mio cazzo duro attraverso i pantaloni e allunga la mano per strofinarlo lentamente e mi dice di baciare la sua figa. Un po’ timido ma allo stesso tempo incredibilmente felice, le ho baciato lentamente la figa.

Si mette sul divano con le gambe divaricate davanti a me e mi dice di leccarla come un gelato. La lecco di lussuria e potevo sentire come si strofinava contro di me e sento un liquido scorrermi nella bocca che ho dovuto ingoiare perché non riuscivo a staccare la bocca dalla sua figa calda.

Poi si alzò e si sdraiò accanto a me, mettendomi una mano sul cazzo iniziando a massaggiarlo e poi me lo prese tutto in bocca. Era una tettona matura davvero esperta che sapeva fare dei pompini fantastici. Poi prese il cazzo in mano e mi salì sopra, scivolandoci dentro. Ho sentito come il mio cazzo entro senza difficoltà nella sua vagina e ho cominciato a fotterla forte mentre lei mi infilava le tette in bocca. Lei gemeva e urlava mentre io ero cosi eccitato che non potevo resistere troppo al lungo e dopo che l’ho scopata per quasi cinque minuti le ho detto che sto per sborrare. Lei, come una vera troia se lo toglie dalla figa e ha cominciato a succhiarmelo e subito dopo finisco nella sua bocca e ingoia tutto il mio sperma. Mi sono vestito per andare via e la signora Francesca mi ha detto che tutto deve rimanere tra di noi.

Le sborrate, il piacere del sesso

Sicuramente ne avete visto dei tanti filmati porno italiani con delle sborrate interminabili. Le sborrate sono l’ultimo atto del rapporto sessuale ma lo sapevate che ci sono dei popoli che credono che gli uomini non dovrebbero mai sborrare, perché lo scopo dello sperma è solo che le persone possano avere dei figli?

Per esempio, secondo gli orientali il piacere dell’orgasmo può esistere molto di più senza questa perdita di materia sessuale. Non posso essere d’accordo con loro perché c’e un fascino e un gioco tra uomini e donne per quanto riguarda le sborrate.

Per le donne, quando scompaiono i sentimenti di disgusto e qualsiasi pregiudizio, è sorprendente come tutto possa trasformare la sborra in un piacere, anche così grande. Quante di voi sanno che sensazioni può creare la sborra nel momento in cui scorre nella tua bocca, quando lo senti svolazzare, si avvicina e piano piano come se tutta l’energia del tuo partner scorresse dentro di te e lo assorbi goccia a goccia mentre ti offre una incredibile sensazione di potere e piacere nello stesso tempo.

Le sborrate a volte possono essere un paradosso di sensazioni, di umiliazione, di perversione, di potere e di una grandissima intimità di coppia. La sensazione che ti dà quando si lascia entrare in te è in un certo senso uguale alla sensazione che le donne generalmente cercano negli uomini. Il bisogno di sentire che il suo uomo è superiore a lei, perché solo così può sentirsi al sicuro e allo stesso tempo può avere il potere su di lui. Quell’uomo forte le appartiene, scorre verso di lei, la sua energia lentamente va via, lentamente in lei, verso di lei…perché lui vive per questa cosa! I maschi adorano le sborrate facciali o vaginali. Adorano imitarsi quelle scene nei filmati porno italiani in quali le donne ricevono delle sborrate abbondanti in bocca o in figa.

Quando il mio ragazzo si siede sopra di me, io tengo la bocca aperta in modo che possa venire sulla mia lingua, nella mia bocca, voglio assaggiarlo, tutto quello che esce dal suo cazzo eretto. Impazzisco dall’eccitazione quando mi schizza la figa e io mi strofino il clitoride con il suo sperma dentro di me e lui mi guarda con piacere, una sensazione di unione di fluidi, la nostra intimità più grande!

Non perdo mai l’occasione di sentire il mio compagno come si scarica la sua sborra, la sua energia dentro di me. Adoro come scorre il suo liquido fuori dalla mia vagina, e una sensazione fantastica.

Mi piace odorare dopo che il mio fidanzato ha eiaculato nella mia bocca e ingoio tutto e  a volte non mi lavo i denti né bevo qualcosa, perché così rimango con il suo gusto. Mi piace sentire ancora il suo gusto, così il piacere continua e in un certo senso, si ripete.  Dopo che mi ha spruzzato e ha finito sul mio corpo, rimango cosi a sentire che una parte di lui mi appartiene, lui mi appartiene.

Non perdete mai queste sensazioni perché le sborrate di ogni tipo sono fatte per godere il sesso al suo livello più profondo.

QUELLA CUGINA BIRICHINA

Sono in vacanza a casa degli zii per un paio di giorni.

Hanno una piscina incredibile dove sto passando delle giornate meravigliose.

Ho un problema però: mia cugina è cresciuta e ho costantemente il cazzo duro a vederla con quel mini bikini mentre mi sbatte il suo culo perfetto in faccia.

Oggi sono più arrapato del solito avendo navigato tutta la notte su siti porno gratuiti.

Dopo un paio di ore in piscina dove mia cugina ha deciso di rimanere in topless, vado in camera per farmi una sega.

Appena entro, tolgo il costume, mi sputo sulla mano e comincio a strofinarmi il cazzo.

Immagino di fottere mia cugina in quel culo perfetto e di leccarle la figa fino a farla venire.

Pagherei per spingerle il cazzo in gola proprio come ho visto in alcuni video di pompini porno.

Sembra però che sia la mia giornata fortunata perché improvvisamente la porta di camera mia si apre ed entra lei.

Vorrei fermarmi ma non posso, il mio cazzo è sempre più caldo e duro.

Lei allora si toglie il bikini e comincia a stuzzicarsi i capezzoli e la figa depilata.

Si avvicina pian piano a me e, dopo essersi sputata in mano, comincia a masturbarmi.

Crea una fessura con le dita e comincia a fare su e giù.

Poi si inginocchia e mi poggia le labbra sul glande senza mai fermare il movimento della mano e guardandomi dritto negli occhi.

Comincia lentamente ad infilarsi il mio cazzo in bocca e a fare movimenti circolari sulla cappella con la lingua.

Comincia a succhiare e a farselo scendere sempre di più in gola.

Dopo un po’, le tengo la testa ferma con la mano e comincio a fotterle la bocca ad una velocità che piace a me.

Chiude gli occhi in estasi, mentre si porta una mano alla figa e si infila due dita dentro.

La faccio poi stendere sul letto e le divarico le gambe impalandola con il mio cazzo sempre più duro.

La fotto con botte veloci fino a farla piangere di piacere quando spruzza tutta la sua eccitazione.

La giro sulla pancia e la prendo da dietro, penetrandola nuovamente mentre con una mano le sfrego il clitoride.

Una volta venuta di nuovo, la faccio posizionare con la testa sul bordo del letto.

Mi metto sopra di lei e, dopo averle sputato tra le tette, le infilo il cazzo lì chiedendole di stringerle.

La fotto per un po’ così mentre mi allungo tra le sue gambe e le lecco la figa bagnata.

Sento che sto per venire, ma non voglio farlo così.

Voglio sborrarle in bocca, mentre mi spompinacome stava facendo all’inizio.

È nella posizione perfetta perché la sua gola è dritta e una volta che le ficco il cazzo in bocca, va fino in fondo.

Mi mantengo con le mani sul letto e comincio a spingere.

Mentre succhia, con una mano comincia a giocare anche con le mie palle.

Sono sempre più vicino, le prendo una tetta in bocca e con una spinta finale le riempio la gola di sperma caldo.

Una serata piccant

I migliori film porno italiani non sono nulla in confronto a queste storie vere che pubblichiamo per voi! In anonimo ovviamente. Lasciate i video porno in streaming e leggete qui…

“Abbiamo chiacchierato un po’ e mentre ero in biblioteca una sera, ha deciso di fare un salto e dire ciao. Era più nerd di quanto mi aspettassi, ma in modo dolce e accattivante. Sicuramente un cambiamento rinfrescante dai ragazzi più fuckboy a cui sono abituato. Dato che eravamo nella zona tranquilla, non ci dicevamo molto. Dopo circa mezz’ora, dovette andarsene, così lo feci uscire. Abbiamo guidato giù l’ascensore, e lui ha colto l’opportunità per baciarmi e prendermi le tette. Sapeva che non stavo indossando un reggiseno sotto il maglione, dato che gli avevo inviato alcune foto all’inizio della giornata. Quando siamo usciti dalla biblioteca, l’ho appena tirato su una panca e ci siamo seduti per una conversazione appropriata.

Continue reading