Una serata piccant

I migliori film porno italiani non sono nulla in confronto a queste storie vere che pubblichiamo per voi! In anonimo ovviamente. Lasciate i video porno in streaming e leggete qui…

“Abbiamo chiacchierato un po’ e mentre ero in biblioteca una sera, ha deciso di fare un salto e dire ciao. Era più nerd di quanto mi aspettassi, ma in modo dolce e accattivante. Sicuramente un cambiamento rinfrescante dai ragazzi più fuckboy a cui sono abituato. Dato che eravamo nella zona tranquilla, non ci dicevamo molto. Dopo circa mezz’ora, dovette andarsene, così lo feci uscire. Abbiamo guidato giù l’ascensore, e lui ha colto l’opportunità per baciarmi e prendermi le tette. Sapeva che non stavo indossando un reggiseno sotto il maglione, dato che gli avevo inviato alcune foto all’inizio della giornata. Quando siamo usciti dalla biblioteca, l’ho appena tirato su una panca e ci siamo seduti per una conversazione appropriata.

Non ricordo bene di cosa abbiamo parlato, ma ad un certo punto mi ha messo una mano intorno alla vita e se l’è infilata sotto il maglione, stringendo i capezzoli che erano già durissimi per il vento freddo. Questo mi sorprese immensamente, poiché prima sembrava piuttosto nervoso e un po’ imbarazzato. Ero così eccitata, che mi sforzavo di non lamentarmi mentre mantenevo la conversazione, facendo camminare la gente  lontano da noi e senza accorgercene perché era passato il tramonto ed era piuttosto buio. Dopo alcuni minuti che mi ha preso in giro, ho deciso che dovevo spompinarlo quella notte, così siamo andati a cercare un posto appartato attorno al campus.

Dopo un po’ di camminare, ci siamo imbattuti in un bagno per disabili che era fuori uso – perfetto per non essere disturbati! Siamo scivolati nel bagno, e abbiamo iniziato a limonare. Ho sfregato il suo rigonfiamento tra i suoi pantaloni e ha giocato con le mie tette. Era davvero duro con me, mi stringeva i capezzoli e mi afferrava le tette così forte che pensavo che avrebbe lasciato lividi. Quando ha iniziato a succhiarli, mi sono lamentata di piacere, senza preoccuparmi se le persone erano intorno a sentirci. Non avevo mai provato  che le mie tette fossero strette così a lungo, erano disperate per avere più attenzione e me la stava dando. L’ho spinto contro il muro e mi sono inginocchiata, spingendo i pantaloni verso il basso per rivelare il suo cazzo duro.

A dire il vero, è stato molto più bello di quanto mi aspettassi. E ho fatto abbastanza pompini per riconoscere come appare un bel cazzo. Succhiavo lentamente la testa, leccando l’asta su e giù. Di tanto in tanto, alzavo gli occhi e mi guardava negli occhi, osservando quanto sembrava divertirsi. Adoro sapere che faccio stare bene i ragazzi. Lo amava di più quando lo prendevo a gola profonda, agitando la lingua e colpiva la parte posteriore della mia gola. Dopo un po’ di movimenti su e giù, mi ha afferrato la testa e mi ha tenuto lì, e io gli ho preso le palle in gola mentre lui si è fatto duro. E’ stata la mia prima volta in assoluto che mi ha fatto venire la sborra direttamente in gola, e wow è stata un’esperienza completamente nuova. Era caldo, duro, veloce e soffocante, ma mi piaceva.”